Una prigione subacquea abbandonata a Rummu, in Estonia

Rummu è un distretto situato a nord dell’Estonia, nella contea di Harju, che nasconde un grande segreto. Chi ama le immersioni subacquee amerà questo sito.

A Rummu c’è una prigione sottomarina costruita durante l’egemonia sovietica. La prigione faceva parte di una miniera di calcare dove i prigionieri erano costretti a lavorare. Dopo il crollo dell’Unione Sovietica e la rinascita dell’Estonia nel 1991, l’interesse per l’industria mineraria venne meno e la cava fu abbandonata. Di conseguenza, il pompaggio dell’acqua nella zona si fermò e la miniera si riempì d’acqua formando un grande lago. Fu così che la prigione venne parzialmente sommersa.

Una prigione subacquea abbandonata

Questo sito divenne rapidamente popolare tra i sub che si immergono in profondità per esplorare ogni angolo della prigione . Le antiche celle, i mobili arrugginiti, le attrezzature, tutto è rimasto al suo posto come prima dell’abbandono.

Una prigione subacquea abbandonata

Se siete tra quelli che amano i luoghi abbandonati e avete l’hobby delle immersioni subacquee, questo è il sito che fa per voi. Bisogna ricordare però che questo è un sito molto pericoloso molto pericoloso . È meglio quindi usufruire dei servizi di una guida specializzata che conosce tutti i pericoli un’immersione rischiosa come in questo caso. Negli ultimi anni, almeno due persone hanno perso la vita in questo lago durante l’esplorazione della prigione sottomarina.

Una prigione subacquea abbandonata

Il periodo migliore per pianificare un’immersione è l’inverno quando l’acqua è più trasparente. Tuttavia, alcune guide organizzano escursioni, anche se la superficie del lago è parzialmente ghiacciata. Questo sito è molto interessante, ma è necessario prendere rigorose precauzioni. Se vi mancano abilità sufficienti per le immersioni o soffrite di claustrofobia meglio rinunciare.

Una prigione subacquea abbandonata

Parte della prigione di Rummu non è stata inondata e ha funzionato fino al 2012. Originariamente ospitava 7.000 prigionieri. Successivamente, le strutture, sia quelle che sommerse che quelle risparmiate dall’acqua, furono messe in vendita e i prigionieri furono trasferiti in un altro luogo.

Una prigione subacquea abbandonata

A tutt’oggi, in attesa di un improbabile acquirente, la prigione rimane la meta per centinaia di esploratori sottomarini provenienti da tutto il mondo.

Una prigione subacquea abbandonata Una prigione subacquea abbandonata Una prigione subacquea abbandonata Una prigione subacquea abbandonata Una prigione subacquea abbandonata Una prigione subacquea abbandonata Una prigione subacquea abbandonata Una prigione subacquea abbandonata Una prigione subacquea abbandonata Una prigione subacquea abbandonata Una prigione subacquea abbandonata Una prigione subacquea abbandonata Una prigione subacquea abbandonata Una prigione subacquea abbandonata Una prigione subacquea abbandonata Una prigione subacquea abbandonata Una prigione subacquea abbandonata Una prigione subacquea abbandonata Una prigione subacquea abbandonata Una prigione subacquea abbandonata Una prigione subacquea abbandonata Una prigione subacquea abbandonata

 

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: