Le pandemie e le epidemie più letali e diffuse della storia

Esaminiamo le pandemie e le epidemie più letali e diffuse della storia, dal vaiolo alla cosiddetta influenza spagnola fino all’attualissimo corona virus

Per quanto ci piaccia pensare all’eternità, il viaggio di ogni essere umano ha un inizio e una fine che nemmeno gli uomini più famosi possono evitare. Il filosofo Archimede fu pugnalato da un soldato in un attacco di rabbia incontrollata, il potente Riccardo Cuore di Leone morì per un’infezione causata da una ferita da arma da fuoco usata da un bambino e l’architetto Antoni Gaudí fu investito da un tram. E mentre queste storie fanno parte delle cronache del passato, le morti di persone anonime si perdono come semplici vittime di guerre, catastrofi e, soprattutto, malattie.

Non è un caso, quindi, che attualmente il motivo più comune di morte siano gli incidenti cardiovascolari, seguiti da tumori e problemi respiratori. Batteri e virus hanno causato la morte di milioni di persone per secoli e diverse società hanno dovuto difendersi come hanno potuto. Quando la percentuale di persone colpite è più alta del previsto ma concentrata in una città, un paese o una regione, si parla di epidemia. Quando invece si superano i confini e si diffonde rapidamente in tutto il resto del mondo, allora parliamo di pandemia . Una delle pandemie più note è la cosiddetta peste nera, che ha ucciso più di un terzo della popolazione europea nel XIV secolo e ha segnato una pietra miliare nella società e nel pensiero del tempo. È interessante notare che il termine “peste” (dal latino pestis ) è stato usato per indicare qualsiasi malattia epidemica facilmente contagiosa.

In questo post parliamo delle pandemie e le epidemie più letali e diffuse della storia.

Le pandemie e le epidemie più letali e diffuse della storia

Peste di Atene

Conosciuta con questo nome perché causò il caos in questa città-stato dell’antica Grecia, questa epidemia raggiunse la penisola dell’Attica nel 428 a.C. e fu raccontata da Tucidide ne “La guerra del Peloponneso”. L’autore colloca l’origine di questa piaga in Etiopia e le morti che ha causato variano tra 50.000 e 300.000 , tra cui il politico Pericle . Studi successivi suggeriscono che la peste ad Atene avrebbe potuto essere un focolaio di febbre tifoide.

Peste Giustiniana

Peste Giustiniana

Questa piaga si diffuse nell’impero bizantino intorno al 541 e portò alla morte quasi la metà della popolazione di Costantinopoli . Si ritiene che sia stato la diffusione del batterio Yersinia pestis , lo stesso che diversi secoli dopo sarebbe stato responsabile della peste nera. Anche questo con focolaio Etiopia, si diffuse fino a raggiungere l’Europa meridionale. Giustiniano, che governava a quel tempo nell’impero bizantino, fu anch’esso colpito dalla peste e si dice che fu molto vicino alla morte.

Le pandemie e le epidemie più letali e diffuse della storia

Vaiolo

Essendo una delle malattie più antiche di cui esistono prove certe, si stima che il vaiolo abbia ucciso oltre 300 milioni di persone nel corso della sua storia . È noto che questo virus altamente infettivo, viene trasmesso scambiando fluidi corporei o tramite contatto diretto. Le persone contagiate subiscono deturpazioni a causa delle pustole che provoca nella pelle. Storicamente, il vaiolo si distingue per aver fortemente decimato le popolazioni indigene d’America venuti a contatto con gli spagnoli. Nel 1796, Edward Jenner sviluppò quello che è considerato il primo vaccino nella storia proprio per combattere il vaiolo.

Morbillo

Morbillo

Si ritiene che il morbillo abbia più di 3000 anni di esistenza e abbia causato la morte di oltre 200 milioni di persone. Grazie al cosiddetto triplo vaccino virale, insieme alla parotite e alla rosolia, i decessi oggi sono diventati rari.

Le pandemie e le epidemie più letali e diffuse della storia

Peste nera

Forse è una delle pandemie più conosciute della storia. La peste bubbonica o anche peste nera a causa delle macchie lasciate sulla pelle delle persone colpite, ebbe il suo prima e più violenta diffusione nel 1346 , quando entrò in Europa e in Africa attraverso la via del seta e portò alla morte 75 milioni di persone. I focolai di “Yersinia pestis” si sono ripresentati numerose volte nel corso della storia, dando origine alla cosiddetta Terza Pandemia che si diffuse in Asia nel 19 ° secolo e causò circa 12 milioni di morti).

Scorbuto

Scorbuto

Conosciuta come la peste dei marinai, lo scorbuto è una malattia causata da un deficit di vitamina C che, si stima, abbia causato circa 2 milioni di morti nel corso della storia. La sua diffusione era particolarmente comune nei viaggi transoceanici e colpiva i membri degli equipaggi delle navi che non mangiavano frutta fresca per un periodo prolungato. Vasco de Gama riferì, in un viaggio nel 1498, che 54 dei suoi uomini avevano sofferto di questa misteriosa malattia e lo stesso Ferdinando Magellano ne fu colpito.

Le pandemie e le epidemie più letali e diffuse della storia

Febbre gialla

Questa malattia era la più comune tra i conquistatori spagnoli nel Nuovo Mondo. Uno dei più forti focolai si verificò sull’isola di Hispaniola (ora Santo Domingo) nel 1494, che durò due anni e si diffuse abbastanza rapidamente tra i conquistatori e la popolazione nativa. La sua diffusione era ciclica e prevalentemente nel periodo estivo.

Tifo

Tifo

Il tifo è una malattia che si trasmette principalmente attraverso insetti e altri artropodi e provoca febbri ed eruzioni cutanee. Storicamente si è diffuso nelle aree rurali e ha causato la morte di circa 4 milioni di persone. In epoca pre-antibiotica circa il 10% degli infettati moriva per le complicanze. Al giorno d’oggi l’adeguata terapia antibiotica e di supporto hanno ridotto drasticamente mortalità.

Le pandemie e le epidemie più letali e diffuse della storia

Colera

Prodotto dal batterio Vibrio cholerae, il colera è una malattia che si è diffusa in tutto il mondo nel diciannovesimo secolo. Provoca febbre alta, dolore addominale e rapida disidratazione del corpo causato da grave diarrea. Nelle sue tre apparizioni durante il diciannovesimo secolo e diversi episodi epidemici del ventesimo secolo sono morte circa 3 milioni di persone . Lo scrittore colombiano Gabriel García Márquez ambientò il suo mitico romanzo “Amore ai tempi del colera” in una delle pandemie della fine del XIX secolo.

Influenza spagnola

Influenza spagnola

Questa pandemia si distingue per essere una delle più letali della storia e, soprattutto, per il breve periodo di tempo in cui ha agito (causando tra 50 e 100 milioni di morti in due anni). La sua diffusione è strettamente correlata al contesto della prima guerra mondiale, quando le condizioni sia nelle campagne che nelle città non erano ottimali per contenere questa malattia mortale. All’influenza fu dato il nome di “spagnola” poiché la sua esistenza fu riportata dapprima soltanto dai giornali spagnoli, in quanto la Spagna non era coinvolta nella prima guerra mondiale e la sua stampa non era soggetta alla censura di guerra; negli altri paesi, il violento diffondersi dell’influenza fu tenuto nascosto dai mezzi d’informazione, che tendevano a parlarne come di un’epidemia circoscritta alla Spagna.

Le pandemie e le epidemie più letali e diffuse della storia

Influenza asiatica e influenza di Hong Kong

Nel 1957, una combinazione di influenza umana con influenza aviaria apparve sulla costa del sud-est asiatico e si diffuse rapidamente in tutto il territorio, arrivando persino in Australia e causando circa un milione di morti. Nel 1968 apparve una nuova mutazione dell’influenza H3N2, che seguì un modello di espansione molto simile a quello del 57.
HIV
Siamo di fronte a una delle pandemie più conosciute e studiate del XX secolo. Con oltre 25 milioni di morti, la sindrome da immunodeficienza acquisita provoca la compromissione del sistema immunitario. In tale condizione qualunque malattia o infezione porta alla morte della persona contagiata. Attualmente non esiste una cura definitiva ma ci sono numerosi trattamenti che hanno ridotto la mortalità del 33%.

Una delle vittime più famose dell’HIV e il cantante dei Queen Freddie Mercury

Le pandemie e le epidemie più letali e diffuse della storia

Coronavirus di Wuhan

E veniamo ad oggi. Alla fine di dicembre 2019 , il coronavirus di Wuhan è diventato fonte di preoccupazione a livello mondiale soprattutto con l’aumentare dei casi in Cina e all’elevata probabilità di diffusione in altri paesi. Attualmente ci sono 17.459 casi conosciuti in tutto il mondo (distribuiti in 27 paesi) e l’OMS ha dichiarato l’emergenza internazionale a causa dell’impossibilità di frenarne l’espansione.

Tuttavia, il numero di decessi finora è 362, meno del 5% del totale e ci sono 489 casi di persone che si sono riprese.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: