La capra pigmea come animale domestico

È chiaro che per molte persone accontentarsi di avere un cane o un gatto come animale domestico non basta. Per questo scelgono altri animali curiosi come compagni pelosi. Sapevi che la capra nana come animale domestico sta guadagnando molta fama? Sicuramente se leggerai questo articolo e la conoscerai un po’ meglio, capirai bene i motivi!

Com’è la capra nana?

Capra pigmea marrone

Hai mai pensato di avere una capra pigmea come animale domestico? Forse alcuni di voi non sapevano nemmeno dell’esistenza di questo adorabile animaletto!

Esistono varie razze di capre pigmee, ma è la capra nana africana o pigmea quella più conosciuta.

Si ritiene che la nascita di capre di piccola taglia nell’Africa occidentale, sia dovuto al fatto che le temperature estreme, così come altre condizioni nel loro luogo di origine, hanno impedito il corretto sviluppo di alcune capre.

Successivamente, l’allevamento selettivo di queste capre di dimensioni inferiori al normale, portò alla diffusione in tutto il mondo delle capre nane che conosciamo oggi.

Ma… come può una capra, qualcosa che è normalmente associato al bestiame e all’ambiente rurale, diventare un animale domestico?

Negli anni ’50, diversi esemplari furono trasportati negli Stati Uniti per essere esposti negli zoo.

L’animale attirò l’attenzione di molti per via del suo aspetto adorabile facendole guadagnare una certa fama. Successivamente si diffuse in Europa e oggi è conosciuta in quasi tutto il mondo.

Il suo carattere, affabile e socievole ha fatto il resto, rendendola un animale domestico amatissimo da molti.

Caratteristiche della capra pigmea

Capra nana cucciolo

Come suggerisce il nome, la caratteristica principale di questo animale è la sua piccola taglia. Di solito non supera i 45 centimetri di altezza.

Queste piccole dimensioni sono coerenti con il suo peso che oscilla tra i 18 e i 30 chilogrammi.

Il pelo della capra nana è corto con macchie di diverse tonalità di colori (grigio, bianco, marrone, nero, ecc.).

Sia i maschi che le femmine hanno le corna e orecchie corte che normalmente sono erette.

Per quanto riguarda il loro carattere, c’è da dire che sono davvero socievoli. Non solo amano la compagnia di altre capre, ma sono anche affettuosi e giocherelloni anche con le persone.

Suggerimenti su come accudire una capra pigmea come animale domestico

Capra nana con bambina

Se quello che hai letto finora ha attirato la tua attenzione al punto che stai pensando di avere una capra pigmea come animale domestico, leggi bene ciò che segue.

Come ogni animale, anche la capretta ha esigenze specifiche che devono essere assicurate per garantirne il benessere.

Ecco le cose più importanti da sapere:

1 La capra pigmea ha bisogno di spazio

Il fatto che si parli di una capra in miniatura non significa che si possa mettere l’animale in un piccolo appartamento o in una casa anche grande. Per quanto grande possa essere la casa, non le darà mai la possibilità di fare le stesse cose che può fare all’aperto.

Pertanto, l’aspetto cruciale è garantire che la capra abbia accesso a un ampio spazio all’aperto dove possa saltare e correre a suo piacimento, muovendosi liberamente e brucando erba e altre piante, come ad esempio il trifoglio.

Non è come un cane che corre e gioca solo due o tre volte al giorno quando usciamo per le passeggiate.

Questo spazio deve essere recintato per impedire all’animale di scappare. Inoltre, deve avere vegetazione a disposizione in modo che possa pascolare.

A meno che non si voglia far riprodurre delle capre pigmee, i maschi dovrebbero essere tenuti separati dalle femmine.

Dovresti garantirle anche uno spazio coperto dove possa riposare, mangiare, bere e dove possa anche ripararsi da pioggia, vento o temperature estreme. Ricorda che ha bisogno di un riparo asciutto

Tenendo conto di queste esigenze, possiamo dedurre che la città non sia esattamente il posto migliore in cui far vivere questo animale.

2 Alimentazione

La dieta di questa capra domestica in miniatura è molto varia. È costituita principalmente da fieno, erba medica, cereali e ortaggi.

Ogni capra pigmea dovrebbe consumare circa 160 grammi di cibo due volte al giorno. Il cibo dovrebbe essere posizionato in una mangiatoia per evitare sprechi, e i cereali consigliati includono avena, mais o mangime completo e bilanciato per ovini.

Per garantire la sua salute, devi prendere in considerazione l’apporto extra di minerali di cui ha bisogno. Uno dei più importanti è il sale, necessario per il suo corretto sviluppo.

3 Cure

È fortemente consigliata la frequenza regolare delle visite veterinarie per prevenire gravi malattie infettive che possono essere trasmesse anche all’uomo e per effettuare le vaccinazioni di routine.

Gli zoccoli dovrebbero essere tagliati ogni 6 settimane per evitare la crescita eccessiva.

Spazzolare i peli della capra con una certa frequenza aiuterà a rimuovere lo sporco superficiale dal suo corpo. Quando il pelo è troppo lungo bisognerà provvedere alla tosatura.

4 Altri consigli

Essendo un animale sociale, preferisce stare in compagnia piuttosto che da sola.

Per questo, è necessario che tu condivida momenti quotidiani con la tua capra nana, che ci giochi e che la stimoli mentalmente, poiché è attiva e curiosa. L’ideale sarebbe quello di permetterle di avere la compagnia di almeno un’altra capra.

Nel caso in cui prima dell’arrivo di questo animale nella tua famiglia ci sia già un cane, tieni conto del suo carattere. Se il cane non è adeguatamente addestrato, la capra pigmea può diventare una facile preda per lui.

Con le cure adeguate, una capra nana può vivere tra i 10 e i 15 anni. Naturalmente, prima di avventurarti nell’adozione di questo piccolo animale, dovresti prima assicurarti di poter soddisfare tutte le richieste di cui ti abbiamo parlato.

Caprette pigmee prezzo

Ecco la mia riscrittura del paragrafo:

Concludiamo affrontanto il tema del costo di acquisto di queste piccole capre. Il prezzo di un esemplare non è particolarmente alto, ma varia a seconda dell’età e del sesso dell’animale. In media, ci si può aspettare una spesa tra i 100 e i 200 euro. Possibilmente rivolgiti ad allevamenti specializzati e rinomati. A questa spesa iniziale vanno poi aggiunti i costi ricorrenti per il mantenimento quotidiano della capra, oltre alle eventuali spese veterinarie, con particolare riferimento alle vaccinazioni necessarie.

Capra nana bianca cucciolo

FAQ: Domande frequenti sulle capre pigmee

Come posso allevare correttamente una capretta pigmea?

Per allevare correttamente una capretta pigmea, assicurati di fornirle un riparo asciutto per proteggerla dalle intemperie, vaccinarla regolarmente e garantire che abbia sempre accesso a cibo di qualità.

Qual è l’importanza dei zoccoli delle capre pigmee?

Gli zoccoli delle capre pigmee richiedono cure regolari, devono essere spuntati ogni due mesi per garantire la corretta salute del animale.

Posso tenere le caprette nane come animali domestici in casa?

Se hai lo spazio e le necessarie attenzioni, puoi tenere una capretta pigmea in casa come animale domestico, tuttavia è importante fornire il giusto ambiente per il benessere dell’animale.

Quali sono le principali razze di capre nane allevate comunemente?

La razza più comune di capre pigmee è la capra nana dell’Africa occidentale, anche conosciuta come “capra pigmea dell’Africa occidentale”.

Quanto dovrebbe mangiare una capretta pigmea ogni giorno?

A: Ogni capretta pigmea dovrebbe mangiare circa 165 grammi di mangime di qualità al giorno per mantenere la sua salute e il suo benessere.

Come proteggere le capre pigmee dagli animali selvatici?

Assicurati di mantenere una recinzione sicura e di proteggere il recinto adeguatamente per evitare che gli animali selvatici possano danneggiare le capre pigmee.

Qual è l’origine della capra pigmea dell’Africa occidentale?

La capra pigmea dell’Africa occidentale è originaria del Camerun e è stata introdotta in altre parti del mondo durante l’era coloniale per le sue dimensioni ridotte e il suo temperamento docile.

Leggi anche:

Come Prendersi Cura di una Capra Come Animale Domestico

La Capra di Damasco: La capra più brutta del mondo