Il mio cane può mangiare uva?

0
5
il cane può mangiare uva

Classificazione: Alimento da evitare a tutti i costi

Anche se certi cibi anche se non salutari possono essere dati in piccole quantità a un cane, l’uva è uno di quei frutti su cui tutti sono d’accordo: sono molto pericolosi e possono causare la morte del tuo compagno se non stai attento.

In questo articolo spiegheremo perché e ti daremo alcuni suggerimenti. Ovviamente noterete subito che sarà sempre necessario l’aiuto del vostro veterinario in caso di ingestione.

Perché l’uva è pericolosa per i cani?

La risposta potrebbe sorprendervi: non si sa perché mangiare questo frutto possa mettere in pericolo il vostro cane! L’uva causa insufficienza renale acuta nei cani con conseguenze mortali se non reagisci rapidamente. Purtroppo non si sa quale sostanza dell’uva sia la causa di questa reazione fisiologica.

L’ingestione di uva da parte del cane può avvenire anche al di fuori delle mura domestiche. Infatti se abiti vicino a un vigneto il tuo cane potrebbe essere tentato di abbuffarsi di uva e rischiare quindi l’intossicazione. In questo caso, assicurati che il tuo cane non possa avvicinarsi all’uva.

Ci sono anche cani che inspiegabilmente risultano immuni a questo tipo di intossicazione. Tuttavia, in caso di ingestione di uva, non aspettare per vedere se il tuo compagno è uno dei fortunati: chiama al più presto un veterinario in modo che possa aiutarti a risolvere la crisi.

Quali sono i sintomi dell’avvelenamento da uva?

Ecco alcuni segni clinici che possono comparire ​​in seguito all’ingestione di questo alimento:

  • Diarrea
  • Vomito
  • Mancanza di appetito
  • Mal di stomaco
  • Letargia
  • Difficoltà nell’urinare

Come intervenire in caso di ingestione di uva?

Innanzitutto, ti consigliamo di chiamare un veterinario il prima possibile in modo che possa aiutarti a gestire meglio la situazione. In alcuni casi, ti potrebbe essere consigliato di indurre il cane a vomitare per liberarsi dalle sostanze nocive prima che vengano assorbite dai reni. Anche il carbone attivo può essere utilizzato per lo stesso scopo. Una volta dal veterinario, può anche provare a iniettare liquidi per via endovenosa o farmaci se necessario.

In conclusione, esistono una miriade di prelibatezze meno rischiose: l’uva non dovrebbe mai far parte delle sue ricompense!

Fonte:  https://canigivemydog.com/grapes
Credito fotografico: Steve Buissinne da Pixabay