I tappeti tridimensionali di Debbie Lawson

Si potrebbero definire tappeti tridimensionali  le creazioni dell’artista Debbie Lawson nelle quali corpi di animali sembrano emergere da arazzi

Davvero singolari ma comunque di forte impatto visivo le creazioni di Debbie Lawson dove figure di orsi, tigri e cervi sembrano emergere da tappeti antichi. Per realizzare le sue opere Debbie Lawson utilizza della comune rete metallica o di plastica, normalmente usata per le recinzioni o le gabbie dei pollai, delle forbici e del nastro adesivo. Con questi semplici strumenti procede alla realizzazione del corpo degli animali partendo da zero.

Fatto ciò lo avvolge alla perfezione con un tappeto seguendo meticolosamente le forme del corpo e fino quasi a fonderlo con esso. Il risultato finale è quello di dare al tappeto una sorta tridimensionalità con i corpi degli animali che sembrano uscire dai tappeti. Quello di fondere forme bidimensionali di oggetti su texture  di legno è sempre stata la tecnica che caratterizza le opere di Lawson. In queste ultime produzioni  invece ha voluto sperimentare la fusione tra oggetti tridimensionali e tessuti.

I lavori di Lawson sono esposti  in diverse importanti gallerie e collezioni private in tutto il mondo. La collezione di cui stiamo parlando intitolata “The Red Bear” è attualmente in mostra presso la Royal Academy of Arts di Londra mentre la figura di un alce realizzata con la stessa tecnica è in mostra permanente al London Town Hall Hotel.

Maggiori informazioni: Sito Web   Instagram

I tappeti tridimensionali di Debbie Lawson

I tappeti tridimensionali di Debbie Lawson

I tappeti tridimensionali di Debbie Lawson

I tappeti tridimensionali di Debbie Lawson

I tappeti tridimensionali di Debbie Lawson

I tappeti tridimensionali di Debbie Lawson

Fonte: thisiscolossal

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: