Da Aleppo una storia commovente tra un gattino e un cane

Storie di amicizie tra cani e gatti ne abbiamo già raccontate su zibaldoneweb ma questa assume un particolare significato perché si svolge in una città martoriata dalla guerra.
Nonostante i problemi di sopravvivenza che tutti gli abitanti di Aleppo vivono quotidianamente, c’è anche chi ha la forza e la volontà di dedicarsi alla protezione degli animali. Sto parlando di Mohammad Alaa Jaleel, meglio noto come “The Cat Man Of Aleppo” un giovane siriano che ha allestito un rifugio per gatti nella città. La struttura (che poi altro non è che la sua casa) accoglie al momento 80 felini abbandonati.
Un giorno Mohammad ha incontrato per strada una cagnetta piuttosto malandata. Accortosi che era in cinta non ha potuto resistere e l’ha portata al rifugio. Dopo averle trovato un’adeguata sistemazione isolata dagli altri ospiti, l’ha accudita in attesa del parto.
Il parto purtroppo non andò bene e i cuccioli non sopravvissero. Da quel giorno la cagnetta sembrò andare in depressione e anche in deperimento fisico. Furono fatti diversi tentativi per risollevarla. Le furono anche dati degli orsacchiotti di peluche come surrogato per la prole mai avuta. Ma i risultati non furono quelli sperati.
Un bel giorno, Junior, un gattino ospite del rifugio, si è avvicinato alla cagnetta forse proprio attratto dai peluche. La reazione della cagnetta fu inaspettata. Non solo non ha aggredito Junior, ma lo ha accolto come fosse un suo cucciolo.
Da allora in due sono inseparabili e la cagnetta, alla quale è stato dato il nome di Amira, (che significa principessa) ha cominciato lentamente a riprendersi.
I due ora giocano felici come puoi vedere dalle foto.
Si possono fare donazioni a Il Gattaro d’Aleppo per aiutarlo a comprare cibo per gli ospiti.

Maggiori informazioni: Facebook  Donazioni

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: