Curiosità scientifiche sui cani

Il cane domestico è una sottospecie del lupo. Ecco alcune curiosità scientifiche sui cani, i migliori amici dell’uomo.

I cani e gli esseri umani sono stati migliori amici per migliaia di anni. Grazie alla scienza abbiamo scoperto che i cani vivevano con gli umani circa 10.000 anni fa e sono stati trovati resti di cani e persone sepolti insieme 14.000 anni fa. E, per un periodo ancora più lungo, forse centinaia di migliaia di anni, gli umani hanno camminato fianco afianco all’antenato del cane domestico, una specie estinta di lupo.

Cani e lupi fanno parte di una grande famiglia quella dei Canidi , che comprende anche coyote, volpi e sciacalli. I cani domestici sono una sottospecie chiamata Canis lupus familiaris , che ha una vita media da 10 a 13 anni.

La famiglia dei Canidi comprende 14 generi e 34 specie, secondo l’Animal Diversity Web dell’Università del Michigan (Stati Uniti). Con così tanta varietà di cani, è facile capire perché ci sono così tanti cani di diverse dimensioni. Secondo l’Università di Edimburgo (Scozia), il canide più piccolo è la volpe Fennec. È alto appena 24 centimetri e non raggiunge un chilo di peso. Il canide più grande è il lupo grigio, lungo 1,5 metri senza contare la coda.

Ma ecco alcune curiosità scientifiche:

 

Il cane è il migliore amico dell'uomo

L’origine della frase “Il cane è il migliore amico dell’uomo”

I cani hanno accompagnato gli esseri umani per almeno 15.000 anni fa e, secondo la ricerca presso l’Università di Linkoping (Svezia) l’origine di questa amicizia potrebbe avere una base genetica. Gli esperti hanno identificato cinque geni correlati che nell’uomo sono collegati a disturbi comportamentali, come l’autismo o la schizofrenia.

I cani riconoscono le emozioni umane

 

I cani riconoscono le emozioni umane

Uno studio dell’Università di Lincoln (Regno Unito) e dell’Università di San Paolo (Brasile) ha dimostrato che i cani sono in grado di interpretare il nostro umore, perché durante l’esperimento con 17 cani, messi in relazione con degli persone a loro completamente sconosciute al fine di evitare ogni tipo di condizionamento. Le loro risposte a segnali emotivi sono state tali da poter affermare che i cani sono in grado di capire lo stato emotivo dell’uomo. Tale capacità, è probabilmente dovuta dalla lunga relazione con gli esseri umani per secoli.

I cani sono in grado di decodificare parte del nostro linguaggio.

I cani sono in grado di decodificare parte del nostro linguaggio.

Secondo uno studio dell’Università della British Columbia a Vancouver (Canada), i cani sono in grado di distinguere più di 160 parole, alcune razze anche fino a 200. Sono anche in grado di riconoscere i segni. La razza di cane più intelligente è senza dubbio quella del Border Collie (origine Scozia, Inghilterra). Inoltre, i cani possono intonare la voce umana attraverso regioni cerebrali simili alla nostra.

L'amore del cane per il suo compagno umano

L’amore del cane per il suo compagno umano

Il legame tra un cane e il suo proprietario è simile a quello di una madre con suo figlio. Ciò è stato determinato da un team di scienziati del Dipartimento di Scienze animali e biotecnologie dell’Università di Azabu (Giappone). Lo studio, pubblicato sulla rivista Science, ha dimostrato che l’ormone dell’amore (ossitocina) nel cane è lo stesso che determina l’attaccamento tra genitori e figli a livello biologico.

curiosità scientifiche sui cani

I cani soffrono di un cancro trasmissibile

I cani sono gli unici mammiferi al mondo che soffrono di un cancro trasmissibile (insieme al diavolo della Tasmania).  Il tipo di cancro in questione si diffonde durante l’accoppiamento e una delle sue conseguenze comporta la deformazione dei genitali. Questo tumore può colpire i cani di tutto il mondo e, grazie a uno studio genetico, gli scienziati hanno scoperto che la velocità e la diffusione di questo tumore sulla terra, suggerisce che i cani da sempre si sono spostati con gli umani.

La depressione dei cani

La depressione dei cani

Sebbene i cani sembrino generalmente allegri, felici e spensierati, uno studio pubblicato sulla rivista Current Biology ha concluso che alcuni cani sono di natura pessimista. Quindi, i cani possono essere depressi. Le loro reazioni? Si preoccupano, abbaiano , si comportano male, guaiscono, temono di essere stati abbandonati per sempre quando li lasciamo soli.

L'obesità affligge anche i cani

L’obesità affligge anche i cani

Un’indagine condotta da un team scientifico guidato dall’Università di Cambridge (Inghilterra) e pubblicata sulla rivista Cell Metabolism , ha scoperto un gene associato all’obesità canina ; cioè l’obesità del retriever è dovuta a una mutazione nel gene POMPC, la loro ossessione per il cibo ha quindi una ragione biologica.

curiosità scientifiche sui cani

Il cervello dei cani

Il cervello dei cani è più grande di quello dei gatti grazie alla sua maggiore socievolezza. Infatti esiste un legame tra le dimensioni del cervello e il grado di socievolezza di un determinato mammifero e, nel caso dei cani, il suo cervello ha aumentato nel tempo le dimensioni della sua materia grigia. I cervelli che sono cresciuti di più nel corso dell’evoluzione sono stati quelli delle scimmie, cavalli, delfini, cammelli e cani.

curiosità scientifiche sui cani

Varie dimensioni

Esistono molte razze del compagno inseparabile dell’uomo (oltre 800 varietà) e le loro dimensioni, forma e pelo sono molto diverse proprio a seconda della razza. In termini di dimensioni, il più piccolo è il Chihuahua (razza nativa del Messico) e il più grande, il Great Dane (razza nativa della Germania). Se guardiamo il peso, il cane più pesante è il San Bernardo (razza originaria delle Alpi svizzere), perché può pesare 120 chili.

Visione notturna del cane

Visione notturna

Come vedono i cani ? I cani hanno una visione notturna di gran lunga superiore a quella umana. Hanno una struttura chiamata tapetum lucidum nella parte posteriore dell’occhio che è in grado di riflettere la luce per una migliore visione notturna. Per quanto riguarda l’orecchio, i cani sono in grado di ascoltare suoni a una distanza massima di 225 metri, sebbene ciò non accada per tutta la vita. I neonati non sono in grado di vedere o sentire nulla.

Cibo o carezze?

Meglio le carezze! Questa è la conclusione raggiunta da uno studio pubblicato su Social Cognitive and Affective Neuroscience, che ha dimostrato che la maggior parte dei cani preferisce ricevere una carezza dai loro proprietari al posto di un pezzo di salsiccia. Nell’esperimento, si è osservato  che l’attività nell’area del cervello coinvolta nel processo della gratificazione, risulta essere molto più attiva quando i cani vengono accarezzati, rispetto a quando ricevono cibo.

Habitat

Possiamo trovare cani in ogni angolo del mondo. I coyote vagano per le foreste e le montagne del Nord America. Le volpi rosse vivono in praterie, foreste, montagne e deserti nell’emisfero settentrionale. Gli sciacalli si trovano nelle savane, nei deserti e nelle aride praterie dell’Africa. I lupi vivono in tutti i continenti dell’emisfero settentrionale.

I cani ululano?

I cani ululano?

Contrariamente alla credenza popolare, lupi, volpi e altri canidi non ululano alla Luna . In realtà, si ululano l’un l’altro come una forma di comunicazione. I cani ululano, gemono, abbaiano e ringhiano per comunicare.

I cani vedono solo in bianco e nero?

I cani vedono solo in bianco e nero?

È un mito che i cani domestici vedono solo in bianco e nero. In realtà , secondo un piccolo studio italiano condotto nel 2017 con 16 cani, sebrerebbe che non percepiscono i toni del colore rosso e verde. Quindi, per addestrare il nostro cane in giardino è meglio usare una palla di colore blu o comunque non rossa o verde. Secondo studi condotti all’Università di Bari, si ritiene che questo problema sia dovuto al fatto che i cani si sono evoluti in creature che cacciano durante il tramonto e l’alba, fasi della giornata che non richiedono la percezione dei colori.

Anche i cani sono molto espressivi.

Anche i cani sono molto espressivi.

Secondo uno studio del 2017 pubblicato sulla rivista Scientific Reports, I cani domestici sono molto comunicativi tramite le loro espressioni facciali, in particolare quando ricevono attenzione dagli umani, . “I risultati sembrano supportare l’evidenza che i cani sono sensibili all’attenzione umana e che le loro espressioni sono potenziali tentativi attivi di comunicazione, non semplici dimostrazioni emotive”, afferma Juliane Kaminski, professore senior di psicologia e leader della Dog Cognition al Centro dell’Università di Portsmouth in Inghilterra e coautore dell’opera. Dice Kaminski: “I cani domestici hanno una storia unica: hanno vissuto con gli umani per 30.000 anni e durante quel periodo, le pressioni selettive sembrano aver influenzato la capacità dei cani nella comunicazione con noi umani”.

curiosità scientifiche sui cani

Possono avere l’influenza

Che ci crediate o no, i cani possono anche prendere un raffreddore o avere l’influenza. Si chiama influenza canina o “tosse canina” o tracheobronchite infettiva canina. Questa malattia è causata da uno o più microrganismi come il virus del cimurro, il virus della parainfluenza o il “bordetella bronchiseptica” un batterio che colpisce maggiormente gli animali più giovani.

I cani sono in grado di percepire se un uomo soffre di qualche malattia

I cani sono in grado di percepire se un uomo soffre di qualche malattia

Se il tuo amico canino si comporta in modo strano, potrebbe non avere nulla di sbagliato: il problema potresti essere tu. Un’indagine presso l’ospedale Schillerhohe in Germania ha scoperto che i cani hanno un’incredibile capacità di riconoscere l’odore di una varietà di composti organici che si producono in presenza di alcune malatie. Quindi, ad esempio, ci sono cani che fiutano i livelli di zucchero nel sangue, rilevano il cancro, predicono convulsioni o rilevano il “clostridium difficile”, un batterio che può portare a un’infezione del colon.

 

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: