Condrodisplasia nei cani

0
5
Condrodisplasia del cane

La condrodisplasia è una sindrome che causa lo scarso sviluppo della cartilagine e delle ossa nei cani. Presenta vari livelli di gravità e non può essere trattata direttamente. Gli arti sono generalmente più corti del normale e da questo “nanismo canino” potrebbe derivare una serie di conseguenze più o meno gravi.

Lo sapevate?

Alcune razze canine sono state appositamente selezionate a causa della loro condrodisplasia. Il basset hound non sarebbe mai esistito senza questa mutazione genetica! Tuttavia, la selezione è stata effettuata in modo tale che alla fine i cani si sono ritrovati con un apparato scheletrico scheletro “abbastanza normale”.

Le cause della condrodisplasia

Le cause della condrodisplasia sono genetiche. Almeno uno dei genitori deve essere portatore del gene responsabile di questa mutazione affinché la prole abbia la possibilità di esserne affetta. Un cane può anche essere portatore sano del gene e quindi non manifestare condrodisplasia.

Le razze di cani più a rischio di condrodisplasia sono:

I sintomi della condrodisplasia

Questa sindrome ha la sua evidenza osservando lo sviluppo di diverse parti anatomiche del cane. Gli effetti non saranno visibili alla nascita ma soltanto intorno al 5° o 6° mese di vita.

Ecco le parti anatomiche interessate:

Gambe: le sue gambe, sebbene ugualmente lunghe, saranno anormalmente corte in proporzione al resto del corpo. Possono anche essere curve.

Testa: È possibile che la sua testa sia più grande, la sua mandibola inferiore sia sporgente e la sua mascella superiore sia incassata.

Dorso: il cane ha la schiena lunga e può soffrire di deviazione della colonna vertebrale.

Altre patologie possono accompagnare le modificazioni scheletriche appena descritte come ad esempio: zoppia, ernia del disco e comparsa di artrite.

Come curare la condrodisplasia di un cane?

Se la condizione non causa gravi disturbi del movimento o dolore con cui è difficile convivere per il cane, la condrodisplasia non sarà necessariamente trattata.

Il veterinario determinerà con voi gli interventi da seguire per rendere la vita del vostro cane il più piacevole possibile. È possibile eseguire un’osteotomia per riallineare le ossa e le vertebre. Per alleviare il suo dolore, possono anche essere prescritti antinfiammatori o antidolorifici.

Gli integratori di condroitina o glucosamina aiuteranno a ridurre il rischio di artrite. Infine, è importante monitorare il peso del cane in modo che non diventi obeso.

Un animale con condrodisplasia non deve assolutamente riprodursi per evitare che anche la sua prole sia affetta dallo stesso problema di salute.

Nota: i nostri articoli sulla salute degli animali non sostituiscono in alcun modo l’esperienza o la diagnosi di un veterinario. Il loro scopo è solo quello di diffondere le informazioni mediche e aiutarti a fare scelte responsabili per comprendere meglio le implicazioni di ogni problema di salute.

Crediti fotografici: Sabrina St. da Pixabay